Cosa dovresti sapere di un avvocato?

Di seguito riportiamo in dettaglio le domande più frequenti che vengono solitamente poste prima della prima visita e che devono essere fatte conosco un avvocato:

Che documentazione dovresti portare per il primo incontro con l'avvocato?

Tutto ciò che sta interessando il caso di aumentare o che si considerano rilevanti per spiegare meglio la loro situazione, situazioni fiscali o notifiche da parte dell'Agenzia delle Entrate, tutti i documenti che ha ricevuto da parte dello Stato così come la sua ultima affermazione reddito.

Se hai domande, chiama l'avvocato prima della riunione e indica quali documenti desideri rivedere insieme. In questo caso, la massima che "è sempre meglio della mancanza di documentazione" è applicata, non esitare a portare tutto ciò che hai sul tuo caso.

Quali sono le tue tasse?

Gli avvocati non possono pagare liberamente, poiché devono rispettare le tabelle e le tariffe stabilite dall'associazione di avvocati nella cui area agisce l'avvocato. Normalmente chiederanno una fornitura di fondi (un acconto) per avviare il processo richiesto e il risultato finale, ogni volta che è favorevole, viene generalmente concordato in percentuale.

Qual è la tua specialità e la tua esperienza professionale?

Tutti i profili dei nostri partner y Professionale sono nella rete professionale pubblica Linkedin, puoi consultare i tuoi studi accademici, la tua esperienza professionale, i tuoi riconoscimenti e pubblicazioni.

Dovrei preoccuparmi delle cose che ho detto ad un avvocato se non ha finalmente accettato il mio caso?

Niente affatto, El Articolo 437.2 della legge organica della magistratura stabilisce che:

"Gli avvocati devono mantenere segreti tutti i fatti o le notizie che conoscono in ragione di una qualsiasi delle modalità delle loro prestazioni professionali, non essendo in grado di essere costretti a testimoniare su di loro".

Pertanto, non possono rendere pubblici i fatti e le manifestazioni di cui sono a conoscenza nell'esercizio della loro professione, oltre a non poter essere costretti da alcuna autorità a dichiarare su di loro.